Viaggio con un bambino fascia 0-3 anni? Grazie alle routine.

Come organizzare un viaggio in una città o in luogo da visitare con un bambino fascia 0-3 anni? Come muoversi? Cosa fare?

Famiglia che si appresta a leggere l’articolo con interesse

Le domande sono tante e in questo articolo cercherò di fornirvi delle tips per riuscirci senza stress. Prima di parlare di organizzazione voglio però fare un paio di riflessioni.

Un aspetto fondamentale da considerare con i bambini fascia 0-3 anni sono le routine.

Le routine sono, per definizione, momenti che si ripetono in maniera più o meno uguale nel tempo, in pratica, la stabilità del compiere determinate azioni durante il corso della giornata. 

Per routine regolari intendo quindi, un’alternanza di eventi che si ripetono sempre nello stesso ordine: sveglia, pappa, bagno, nanna, ecc.

Ad esempio le serali: pappa, giochi/coccole/letture, orario della nanna e il luogo in cui ci si addormenta assumeranno, se ben gestite, un significato netto e chiaro per i bimbi.

Queste ripetizioni possono diventare uno dei momenti educativi più importanti per i nani.

Le azioni non devono solo rispondere alle necessità dei bambini, ma anche considerare i loro bisogni complessivi e mirare a fornire soddisfazioni in termini di attenzione, contatto, affetto ed emozioni.

Per noi genitori una noia mortale ripetere tutti i giorni sempre le stesse cose a determinati orari, ma per i bimbi invece, le abitudini, sono veramente efficaci per aiutarli a sentirsi sicuri e tranquilli.

E’ chiaro che se i nani sono sereni lo sarete di conseguenza anche voi e tante problematiche con progressività e costanza tenderanno a risolversi.

Vi siete addormentati? Mi auguro di no.

Momento organizzazione

Ora, dato per assodato questa lunga premessa, anche quando si parla di viaggi e vacanze si deve cercare, per quanto possibile, di non stravolgere troppo queste abitudini.

Quando decidete di organizzare un viaggio o una vacanza ricordatevi di rispettare le esigenze della vostra progenie e calcolate bene le tempistiche per spostamenti e visite in programma.

Bimbi stressati e stanchi non solo diventeranno più difficili da gestire, ma manderanno all’aria in vostri buoni proposti.

Nel momento in cui pianificate i giorni da trascorrere in un posto (soprattutto se sono luoghi da visitare) calcolate bene i tempi che serviranno a tutti per vivere in modo sereno.

Le città e i luoghi culturali sono fantastici vissuti con i bimbi, se ci si muove con un po’ di buon senso.

Ecco quindi le mie tips:

  • Giorni. Al momento della prenotazione del pernottamento fatelo in modo ragionato. Mi spiego meglio, cercate di capire quanti giorni mediamente servono per visitare quel posto e aggiungetene uno cuscinetto. Esempio: Userò sempre Parigi. La città si può visitare in tre giorni pieni? Prenotatene quattro. Non potete? Bisognerà fare delle rinunce. Non fate tour de force.
  • Priorità. Mettete giù una lista delle cose che volete assolutamente vedere avvalendovi dell’uso di guide o di internet. Es: Louvre, Torre Eiffel, Basilica di Montmartre, ecc.
  • Itinerario. Non fate programmi troppo rigidi. Considerate tempi morti per eventualmente risposarsi, mangiare con calma, rilassarsi. Cercate di essere il più flessibili possibile. Avete la lista delle cose che volete vedere? Sfruttatela in base all’umore del nano.
  • Orari. Cercate di mantenere le routine dei più piccoli adattandovi all’ambiente e allo spazio intorno a voi. Rispettate tempistiche di pappa, nanna, ecc. Mettete la mattina la cosa più impegnativa da vedere e il resto della giornata flessibile. Es. Mattina Louvre, pomeriggio Giardini del Lussemburgo oppure passeggiata nella zona dell’Île de la Cité (se la stagione e il meteo lo consentono, ovviamente, sto solo ipotizzando).
  • Prenotate. Evitate come la peste le code. Cercate di comprare e prenotate online i biglietti per le attrazioni più famose e affollate. Di quelle super impegnative, meglio una al giorno e la mattina. Es. Mattina salita alla Torre Eiffel e poi flessibilità.
  • Gusti personali. Che cosa fare e vedere sono concetti profondamente personali. Cercate di vedere le cose che sono maggiormente di vostro interesse. Non dovete assolutamente evitare alcune attrazioni se vi ispirano, cercate di farlo con astuzia. Non ci sono cose, sempre usando il buonsenso, non adatte ai bambini. Volete vedere un museo? Fatelo. “Educare i bimbi all’arte è un percorso necessario, non solo possibile.” Cit.Es. al Louvre scegliete le sale che espongono le opere che vi interessano maggiormente e con i bimbi più grandicelli trasformate tutto in un gioco. La Gioconda può essere una bella principessa, la Nike di Samotracia un Avengers. Non fate solo “ cose per bambini” ma dosate gli interessi di tutta la famiglia con equilibrio.
  • Mezzi di trasporto. Seguendo i consigli presenti in questo post https://travelingmonkey.blog/2019/05/23/where-did-you-sleep-last-night/ avete scelto una soluzione di pernottamento con una posizione eccezionale, ma alcune città sono enormi. Camminare è il modo più piacevole di esplorare un posto, ma i mezzi di trasporto alleggeriscono gli spostamenti senza affaticarsi troppo. Se i bambini sono grandicelli ricordatevi anche in questo caso di giocare, scegliete quelli più particolari.
  • Mezzi di trasporto per nani. Passeggino ultra leggero e fascia. Sarete in grado di affrontare qualsiasi situazione. Le fasce sono leggere, pratiche e si ritirano anche in uno zainetto. Avete più bimbi?  Valutate l’acquisto del passeggino combinato. Vi tornerà utile sia a casa sia in viaggio.
  • App. Esitono varie app dedicate ai bimbi e alle loro necessità. Durante un viaggio possono essere molto utili. Per ora vi segnalo (poi farò un articolo specifico sul tema):
    1. Yuggler. Internazionale, gratis e offre anche sconti con i suoi partner convenzionati. Dopo aver impostato il filtro età e tutti i parametri di vostro interesse, l’applicazione seleziona e suggerisce le migliori location nei paraggi per mangiare, riposare e giocare. https://itunes.apple.com/us/app/yuggler/id741597223?mt=8
    2. Playground Around the Corner. Punta all’internazionalità, gratis. Offre agli utenti mappe, immagini e descrizioni delle aree giochi intorno a voi https://play.google.com/store/apps/details?id=it.socialcities.playgroundapp&hl=it

Avrei molte altre cose da dirvi, ma vi racconterò altri “fattarelli” la prossima volta. Ciao a tutti!!

6 pensieri riguardo “Viaggio con un bambino fascia 0-3 anni? Grazie alle routine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...